Community Call 2 Dicembre 2018

Namastè. Saluti a tutti.

È la prima domenica del mese di Natale, come tutti sapete abbiamo cominciato la nuova serie sulle relazioni e ci saranno molti insegnamenti che ci saranno dati da Preethaji sulle relazioni.

Il formato della chiamata è sempre lo stesso:

  • Cominciamo con le condivisioni, perché per noi questa è una parte molto importante del nostro lavoro, perché con le condivisioni, le persone che condividono avranno molta chiarezza rispetto a ciò che hanno ricevuto e coloro che ascoltano hanno tutte le possibilità di avere le stesse cose, ecco perché è molto importante dirle. Alcuni di voi hanno mandato la mail;
  • Dopo faremo domande e risposte, riguardo alle cose delle settimane precedenti. Ci sono state persone che hanno mandato domande via e-mail.
  • Dopo le domande e risposte avremo gli insegnamenti. In questa settimana abbiamo avuto l’introduzione riguardo alla libertà nelle relazioni, oggi una delle cose più importanti riguardo alle relazioni.
  • A seguire ci sarà un piccolo processo di meditazione.
  • Poi alcuni annunci riguardo le cose che devono succedere.
  • Poi faremo la Soul Sync, con intento comune.

Marlene dal Belgio

Stavo facendo la meditazione ed è venuto mio marito che mi ha detto che non riusciva a trovare una mail. Normalmente non mi importa e continuo la meditazione, quella mattina, invece, ho cominciato a fare attenzione a ciò che mi stava dicendo. Ho passato del tempo ad aiutarlo a trovare questa e-mail e alla fine si è sentito meglio e più felice. Dopo l’ho aiutato a risolvere un problema con un collega, da un paio di mesi si lamentava ma non stava facendo niente per risolvere la cosa e quella mattina ho proposto di parlare anch’io con questo collega.

Lui era contento perché era la prima volta che lo stavo aiutando a risolvere il suo problema.

Sono andata insieme a lui, e sostanzialmente, con il collega è andato tutto bene, e la situazione sì è risolta. Quanto fai attenzione e sei in ascolto, tu sei connesso, la vita diventa più semplice, questo stato di coscienza aiuta molto.

Ora un’altra persona dice che finora non aveva buone relazioni c’erano molti condizionamenti. E’ molto contento della serie sulle relazioni perché ha delle brutte esperienze del passato, ma la Sadhana della settimana scorsa e quello che faremo questa settimana per lui è molto importante.

C’è qualcun altro che condivide,

Lughina ha scritto che ha avuto molta gioia nel dimostrarmi la libertà perché avevo paura di perdere i punti di riferimento, poi invece Marlin ha scritto quando ci siamo connessi, ci connettiamo al nostro Divino, nella libertà non potevo fare a meno di ridere molto forte, ho visto nella meditazione di ieri me stessa che ero arrabbiata riguardo a come la mia vita non si era manifestata come l'ho sognata e durante la meditazione ho sperimentato delle tristezze, ho provato gratitudine per la mia vita, e per tutto. Grazie

Adesso lasciamo spazio alle domande.

La domanda è:

II cammino spirituale mi ha portato al distacco e a essere oltre i pensieri della mente, l’osservatore nello stato di gratitudine.

Per alcuni anni ho sentito confusione nella mia testa e ho realizzato che nel piano della coscienza, il suono cambia fino a sentire una frequenza alta. In ogni momento del giorno e durante la meditazione è dentro di me, mi puoi spiegare che cos’è e come posso usarlo.

Adesso cercherò di spiegare un po’ di cose riguardo a questo fatto. Anche se la persona non è presente. In prima istanza fatemi dire una cosa. Molte persone confondono la disconnessione con il distacco, ci potrebbero essere momenti in cui sei libero da ogni ossessione, in quel momento tu sei distaccato.
Essere libero da ogni ossessione. L’ossessione significa un desiderio o un’attività molto opprimente, che ti spinge molto, questa è un ossessione, e quando questa cessa, possiamo dire che questa persona è distaccata e ci possono essere momenti in cui non c’è neanche un pensiero, e quei momenti sono magari di pochi istanti, e se qualcuno dice che è andato oltre ogni pensiero, se fosse così, come potresti metterla in parole, come potresti creare delle frasi, se fossi senza pensiero non è questo forse un pensiero. Quindi non fare un ideale

Non ti ossessionare con un'idea di portarti in uno stato di assenza di pensieri permanentemente, questa cosa non esiste, anche per i saggi più saggi, anche per chi è stato per tanti momenti senza pensieri, come cominciamo a parlare ci sono i pensieri, e senza pensieri il cervello non può veramente articolare qualsiasi cosa, e se uno parla senza pensieri, allora sono solo suoni, e potrebbero non avere alcun significato per gli altri, ci potrebbe essere una sensazione grazie al suono ma non ci sarebbe significato. Quindi pensare e i pensieri sono in realtà una benedizione molto grande, nel senso che se sai come usarli in modo costruttivo, questi pensieri servono solo per comunicare con gli altri e renderci comprensibili, quindi non sono una cosa cattiva, ma quando il pensiero diventa ossessivo, allora potrebbe diventare un emozione o una forma di sofferenza, anche in quel caso non è male, ma quando tutto il pensiero si focalizza tutto su di te, diventa ossessivamente centrato su di te, quello è male. E ancora non farne una cosa universale, anche la sofferenza, la sofferenza è la tua sofferenza, quindi tu in prima istanza devi capire, che andare oltre il pensiero non è uno stato permanente, l’osservatore in uno stato di completa gratitudine, chi si trova in quello stato di osservazione, non può neanche descrivere questo stato, non può neanche capire e quindi sii molto chiaro che quando cominci a riconoscere e a sentire la gratitudine e nel momento in cui lo dici non sei più nello stato di assenza di pensiero, perché già riconoscere la gratitudine è un pensiero. Quindi in prima istanza diventi chiaro di queste cose anche se tutti vorrebbero affermare di avercela fatta ma in realtà la verità è che non c’è niente a cui arrivare. Chi dice sono là anche nella meditazione, in realtà se sei veramente in quello stato semplicemente stai meditando non c’è nessun bisogno di dirlo, quindi devi essere molto chiaro su queste cose. Quindi non cadere in queste trappole sottili, ah si sono diventato senza pensieri, ho sentito dei suoni, oltre il pensiero. No. È uno Stato che può durare soltanto per alcuni minuti o secondi, e molto raramente persone che sono veramente distaccate dalla società potrebbero riuscire per alcuni minuti. Questo al massimo. Altrimenti i pensieri saranno lì finché moriamo. Finché ci siamo noi la nostra mente sarà attiva, la mente è una parte della coscienza in ogni caso e la mente ha dei pensieri e i pensieri non sono male. Quindi quando parliamo di distacco in realtà è la libertà dalle ossessioni questo è il distacco. Ma molti dicono che sono distaccati cercando di non essere coinvolti nelle cose e cercando di vivere una vita molto semplice o cercando di fare cose, che fanno e parlano di distacco essendo distaccati fisicamente dalle cose, ma in realtà non è quello, il distacco non è andare lontano dalle cose, ma piuttosto essere libero da tutte le ossessioni, quello è il distacco. Avrete tutti i confort della vita, ma se non siete ossessionati da queste cose allora siete distaccati. La persona che ha scritto stava chiedendo riguardo al suono che sente nella testa. Quando ti porti verso l’esperienza trascendentale, potresti sentire degli strani rumori e cose strane che succedono. La tua esperienza può essere raccontata in vari modi, potrebbero essere piani diversi eccetera, ma quello che devi capire è che ci sono soltanto tre passaggi fondamentali:

  • lo Stato
  • lo Stato trascendente o mistico della coscienza;
  • lo Stato illuminato della coscienza.

Questi sono i tre passaggi della coscienza che chiunque può fare esperienza. Quando ti porti negli Stati mistici e ne fai esperienza c’è una possibilità che puoi sentire una vibrazione e puoi sentire molti cambiamenti intorno a te in realtà niente sta cambiando intorno a te è la tua esperienza che cambia, perché è la tua coscienza che lo fa.

Come fai uso di questo? Non succede semplicemente sedendosi là, per passare in questi tre stati la cosa più importante è che devi stare in uno stato bello, che è uno stato molto connesso in quanto senti la connessione e che si manifesta spesso come gratitudine o come compassione o come sensibilità o inclusività. Quando sei connesso hai compassione e sei connesso nella sensibilità e nell’inclusività, molto naturalmente chiunque tu incontri sentirai il suo dolore o la sua gioia e se senti il suo dolore immediatamente cercherai di aiutarlo e se senti la sua gioia celebrerai con lui. Quindi quando celebri la gioia con questo o quando raggiungi altre persone in uno stato bello, sicuramente starai aiutando gli altri, se il tuo stato non è così sappi che non hai avuto veramente uno Stato, ma è soltanto un concetto. Devi avere molto chiaro la tua verità, devi avere molto chiaro che se il tuo stato non muove automaticamente ad aiutare l’altra persona, quello Stato è uno Stato incompleto. Puoi dire sono spiritualmente evoluto, ma poi dopo sto soltanto seduto per conto mio, questo potrebbe influenzare gli altri in altri piani, ma come umani noi dobbiamo essere connessi, il nostro stato connesso deve essere di aiuto e supporto pratico agli altri, solo allora quando davanti a te c’è qualcuno che veramente beneficia del tuo aiuto allora è là che il tuo cuore si sentirà veramente appagato e ci sarà gioia nella vita. In tutte le azioni che fai, se tu senti questo in tutte le azioni che fai, sentirai di vivere una vita splendida non una vita mediocre o abituale piena di abitudini, una vita molto spirituale e non una vita piena di abitudine perché diventa di sofferenza.

Un’altra domanda.

Come sapere, quali sono i segni quando deve esserci la fine della relazione.
Come la vede la O & O Accademy riguardo la separazione nei matrimoni.
Avrai una risposta via via che andiamo avanti con le chiamate.
La prossima domanda è:

Io amo una persona che trovo bellissima ma sembra che io non sia in grado di farci niente e mi sta facendo del male e non riesco a connettermi in pratica con lui o con lei e sento che mi sto isolando e mi sento di essere separato e non c’è bilanciamento né il corpo né la mente, è giusto lasciare questa persona? Io non sono in grado di frenare ciò che accade di giudizio e così via. Come posso vivere in una relazione dove c’è tanta rabbia, giudizio e senso di colpa.

Tutte queste domande hanno tutte una sola risposta.

La O&O Accademy non si concentra su niente di ufficiale, quindi non gli interessano soluzioni a problemi superficiali, non abbiamo risposte per questo, noi siamo interessati a portare una trasformazione, possiamo farlo, ecco perché qualunque problema lo analizziamo dalle profondità, cioè arriviamo alla vostra coscienza, quindi vogliamo che identifichiate in che stato di coscienza vi trovate, vogliamo che capiate che è molto importante che dovete controllare il vostro stato interiore se sia uno stato di sofferenza o uno Stato bello. Se sei in uno stato di sofferenza ti aiutiamo a trasformarlo e a trasformarti e a portarti in uno stato bello. Una volta che sei in uno stato bello che si può manifestare come connessione e allora a quel punto sai esattamente quello che devi fare. Diciamo che qualcuno viene da noi alla O&O Accademy e dice ho fame è facile da chiedere il cibo, ma dopo qualche pasto non è che gli abbiamo cambiato quello che lui saprà fare, invece quello che noi facciamo è insegnargli a pescare, cosicché potrà sempre avere del cibo per tutto il resto della sua vita, ecco come approcciamo noi la cosa. Puoi venire con un piccolo problema perché quello che tu vedi della tua vita, ma noi ti porteremo più in profondità per mostrarti la radice di questo problema e ti aiutiamo, ti insegniamo a come trasformare il tuo condizionamento, così che ogni volta che si presenta la situazione tu saprai come risolverla. Ecco perché non ti do una soluzione pratica ma piuttosto ti diciamo che devi imparare a trasformarti nella tua coscienza portandoti dalla coscienza dell’io alla coscienza dell’uno, da uno stato di sofferenza a uno Stato bello, e quindi continua a seguire questa chiamata e avrai risposte molto chiare.

Sono finite le domande. Tutto chiaro?

Ora passiamo agli insegnamenti.

Prima di passare alla fase degli insegnamenti chiudiamo gli occhi per alcuni minuti e centriamoci su di noi, così che questi insegnamenti possano portarci delle intuizioni che possano impattare la nostra coscienza e ci possono aiutare a trasformare la nostra coscienza.

Chiudi gli occhi, fai un paio di respiri profondi e lenti e sii consapevole del viaggio del respiro nel tuo corpo. E segui il percorso dell’aria che passa attraverso le narici e tutti posti che raggiunge e come esce.

Ora possiamo aprire gli occhi.

Ora vediamo questa intuizione che Preethaji ci dà riguardo la libertà nelle relazioni. Ascolta con attenzione.

Ogni idea o opinione che abbiamo rispetto all’altro è soltanto una prospettiva e non la verità assoluta. Relazionarsi da questa consapevolezza è amore.

Ripeto.
Ogni idea o opinione che abbiamo rispetto all’altro è soltanto una prospettiva e non la verità assoluta. Relazionarsi da questa consapevolezza è amore.

Che vuol dire questa cosa?

Facciamo che incontri in aeroporto uno sconosciuto qualcuno viene e si siede davanti a te. È naturale nel momento in cui vedi qualcuno, che hai un’opinione, puoi dire no io lo guarderò e basta senza giudizio senza pensiero, questa non è una cosa umana, forse un cane lo potrebbe fare ma un umano una volta che vede una persona, molto naturalmente il cervello comincerà ad avere un punto di vista, non è un problema ma se ti aggrappi a questa cosa, perché magari questa persona ha gli occhiali da sole anche se sta all’ombra, anzi ha una cicatrice profonda sul viso e ha un barbone, e magari porta una cosa con il teschio, un giaccone cortissimo, può essere magari un mafioso, uno cattivo. Questa potrebbe essere un’opinione. Immaginiamo che tu ti aggrappi a questo punto di vista, e non potresti avere un conflitto internamente perché ci rende molto intolleranti e insensibili all’altro, cioè credere che le nostre idee o opinioni siano l’unica verità è altrettanto ignorante anche se hai ascoltato fa fiaba di Preethaji della rana nel pozzo.

Una volta un granchio di mare è stato gettato in un pozzo nel villaggio, Il granchio di mare una volta nel pozzo ci sono le rane che lo guardano e il granchio di mare dice comunque vengo da un posto dove c’è l’acqua e allora la rana gli chiede: com’è il tuo posto di mare?

Il granchio gli dice sempre acqua è ma è molto più grande di questo. Allora la rana fa un salto e chiede è grande come un mio salto? E il granchio di mare gli dice no no è molto più grande, allora la rana fa tre balzi intorno al pozzo e dice è grande come tre balzi? E il granchio dice noo.. è così grande che non lo puoi misurare. Allora la rana e tutte le altre rane lo guardano con sospetto pensano che sia un bugiardo perché per la rana è impossibile concepire che ci sia qualcosa che non possa essere misurata perché ha sempre vissuto una vita misurabile e quindi pensa che il granchio sia un bugiardo perché tutto può essere misurato perché questa è la sua esperienza di rana nel pozzo.

Quindi quando qualcuno si aggrappa alla propria opinione o punto di vista è come la rana, che è sempre cresciuta nel pozzo e assume che non ci possa essere niente altro di più grande come corpo d’acqua rispetto a quello in cui vive. Quindi quando siamo bloccati in un’opinione e crediamo che quella sia l’unica prospettiva è equivalente a restare in una limitazione e qualunque altra cosa sembra come se fosse falsa rispetto alla tua opinione e questo è come la rana che giudica bugiardo uno che c’ha un idea di diversa, infatti pensa che il granchio sia un bugiardo. Perché per questa rana il mare era una bugia qualunque altro corpo d’acqua non era vero perché la sua verità è solo il pozzo. E così quando siamo bloccati nelle nostre prospettive possiamo bloccare nella nostra opinione o idea e le mettiamo come le uniche possibili e se ne facciamo una verità assoluta allora ovviamente diventeremo molto insensibili all’altro e molto intolleranti anche rispetto all’altro. Se osserviamo le nostre vite soprattutto per quanto riguarda le relazioni sia con il partner e con i genitori e con i figli o con gli amici spesso rimaniamo bloccati nelle nostre idee e nelle nostre opinioni. E come risultato la nostra esperienza, noi formuliamo le nostre opinioni da dove siamo cresciuti, così come la rana rispetto al pozzo e diciamo quello che succede sono tutte limitazioni e quindi la nostra opinione o idee non possono essere l’unica prospettiva. Ma se noi incominciamo a dire che la mia è l’unica prospettiva possibile allora realmente quello che succede è che diventiamo molto ignoranti e molto insensibili e pertanto non possiamo dire di avere una comprensione assoluta della vita.

Quindi Prethaj dice essere consapevoli della lettura limitata dei nostri punti di vista è libertà.

Quindi non possiamo sapere la vastità di tutto, perché la vastità è qualcosa che noi non possiamo comprendere, quindi sarebbe stupido dire, io sto esplorando la vastità del tutto perché è impossibile. Ma quello che è la verità che ci può dare libertà è che se puoi essere consapevole della natura limitata del tuo punto di vista o opinioni, allora sei libero, perché non sei più prigioniero di esso. Uno non può affrontare tutta la vastità per capire cos’è la vastità ma se vuoi liberare la limitazione comincia a sperimentare la libertà e ti relazioni da uno spazio di libertà e gioia perché solo quando c’è libertà puoi sperimentare la gioia.

Quindi Prethaj dice relazionarsi all’altro da una spazio di libertà e gioia è amore.

Pregare da questo stato di apertura è molto sacro riuscite a capire questo? Ha senso per voi? Facciamo un esempio: in uno dei corsi qua, alcuni anni fa, due partecipanti si sono incontrati si sono messi insieme e anche se volevano aiutarsi reciprocamente nell’evoluzione spirituale in realtà hanno cominciato presto a litigare sull’argomento anche in situazioni molto semplice si facevano del male a se stessi, alla famiglia, dunque l’uomo ha incontrato uno degli insegnanti in uno dei corsi Field ed Abbondanza e ha condiviso il miracolo che ha ricevuto, la magia che tutti quelli che sono andati al FOA sanno qual’ è il livello di magia e di cambiamento che possono ottenere e quindi lui ha condiviso come la sua vita è diventata magica dopo aver completato questo corso. Lui ha detto, entrambi chiaramente vediamo che se c’è infelicità nella nostra relazione non è per l’altro ma è per ciò che succede dentro di noi.

Quindi portare attenzione al proprio stato interiore li ha portati a uno stato di calma. Nel momento in cui hanno portato consapevolezza a ciò che accadeva dentro di loro singoli, allora dallo stato di calma si sono connessi alla coscienza universale, e sono stati benedetti con uno stato di amore. E lui ha detto la gioia ora, ogni giorno, è vedere il figlio che diventa grande, la saggezza che condividono come genitori e l’amore che fluisce nei cuori di tutti. Questa è una cosa spettacolare. Questo e ciò che può capitare se puoi portare attenzione a ciò che succede dentro di te se riesci a portare attenzione alle tue prospettive limitate, se puoi portare attenzione diventerai libero e potrai sperimentare la gioia e cominci a diventare presente all’altra persona da uno stato di libertà e gioia e questo è amore. Oggi non siamo in grado di essere presenti all’altro perché siamo così presi dal nostro dolore e vogliamo avere ragione a tutti costi e siamo così ossessionati e il nostro pensiero è centrato su noi stessi e non possiamo davvero connetterci all’altro ed essere sensibili. Così se vogliamo veramente avere un’esperienza di libertà nelle relazioni dobbiamo vedere molto chiaro, se siamo bloccati in idee, opinioni e le prendiamo come se fossero verità assolute, porta attenzione a questa cosa e porta libertà a te stesso.

E chiaro per tutti? Ha senso? Andiamo avanti?

Le prossime 24 ore avrete la nostra pratica.

Prima di passare alla Soul Sync insieme lasciate che vi dica delle novità, la cosa buona è che fra una settimana a partire da adesso tutta Golden city sarà piena di persone, da circa 80 paesi. Tutti verranno per il festival ci saranno più di 2000 persone. Per la prima volta un universo così lungo ad EKAM. Nel 2012 ci sono state 1200 persone E poi sono venuti di più sarà una vera celebrazione. Basta pensare come il più grande regalo nel 2018, da parte del fenomeno, nel senso di avere illuminazione di esperienze di cui si riesce ad avere i semi e per fiorire, senza che tu possa avere questo stato dipende la maggior parte del tempo.

Tutti quelli che verranno qui, avranno queste esperienze e quelli che non ce la fanno a venire questa volta, pregheremo per voi il più possibile. Ci potrà essere un altro evento diciamo se c’è la famiglia, se non ce la fate questa volta magari l’anno prossimo. In ogni processo tutta l’esperienza che farete ci sarà qualcosa di fantastico che EKAM è un posto molto potente, si amplifica qualunque cosa, quindi, l’esperienza che queste 2000 e passa persone vivranno saranno amplificate milioni di volte e arriveranno a impattare tutto il mondo, quindi anche voi sperimenterete persone in altri posti potrebbero avere delle esperienze anche se dureranno poco naturalmente non avrete tutte le esperienze di EKAM avrete soltanto degli assaggi, ma quelli invece che verranno qui e parteciperanno e avranno delle pratiche e dei processi, e diksha, avranno tutte queste cose insieme che gli altereranno la coscienza.

Siete tutti contenti?

C’è anche un altra cosa che sta per arrivare in Europa che è il FOA.

Come l’anno scorso ma è nella prima settimana di maggio. So che molti di voi ci sono già stati e anche nel 2019 verrete perché il FOA è qualcosa di più e più l’assaggi e più né godi il succo, quindi non dite ci sono andato una volta e non ho più niente da imparare. Non è così.

Dall’anno scorso a quest’anno dovresti essere cresciuto molto nella tua coscienza e quindi da questo diverso stato di coscienza quando ascolti ciascuno degli insegnamenti che fai questi processi tutta l’esperienza sarà differente il cui impatto che ci sarà nella tua vita e quindi dipende tutto da te. Non solo questo. Quanto sei molto preoccupato di qualcuno che ami molto aiutalo a conoscere questa opportunità per la sua vita. Un altro festival che avverrà prossimamente in Europa. Uno avverrà qui e uno a a maggio in Europa. Sono due cose diverse ma uniche il festival è per chiunque voglia vivere la propria vita da uno stato bello e risvegliarsi a una coscienza calma, coscienza creativa e coscienza connessa. Questo sono due cose prossime e poi vi dirò altre cose su questi argomenti nei prossimi collegamenti e a questo proposito dobbiamo sapere che tutti devono contribuire a renderlo splendido. E ora facciamo tutto insieme la soul Sink con un intento. L’intento oggi è che tutte le relazioni di coppia possano trovare libertà e amore e gioia nella relazione con il partner. Preghiamo per quest’oggi